Crisi Economica Venezuela: Ragioni e Motivazioni

La crisi economica che il Venezuela sta vivendo è dovuta a diversi fattori. Da un lato, ci sono le ragioni spiegate dal governo, che si basano su un’interferenza degli interessi degli Stati Uniti; una forte opposizione che cerca di rovesciare il governo di Nicolás Maduro e gli uomini d’affari, che hanno aumentato il costo dei loro prodotti, provocando una crisi umanitaria nel paese, affermano i ricercatori dell’UNAM.

D’altra parte, c’è il fallimento del sistema economico del regime, aggravato dalla caduta dei prezzi del petrolio, poiché l’energia è la base dell’economia venezuelana. Questa crisi ha causato un flusso di cittadini venezuelani che vanno ai confini in una sorta di esodo; secondo le Nazioni Unite, finora si stima che almeno 2,3 milioni di venezuelani risiedano fuori dal paese e sempre più persone lo abbandonino in condizioni peggiori.

Il Venezuela è stato storicamente un paese di attrazione per i migranti, non solo in America Latina, ma anche in Europa. Alcuni decenni fa, 5 milioni di colombiani arrivarono in Venezuela a causa della crisi della sicurezza, del traffico di droga e della guerriglia.

Sia l’opposizione che il governo hanno responsabilità che non hanno assunto. Inoltre, va notato che l’opposizione deve essere maggiormente responsabile dell’attuazione di politiche che possano migliorare la situazione delle persone e che non sono decise a rovesciare l’attuale governo.

Le misure prese da Maduro

Una delle scommesse del governo venezuelano è l’introduzione di una nuova moneta: il bolivar sovrano, la cui implementazione è iniziata lunedì 20 agosto. L’iperinflazione fece sì che la precedente valuta venezuelana, il forte bolivar, non valesse quasi nulla; le bollette con cui un paio di anni fa l’acquisto settimanale di una casa potevano essere fatte sono ora totalmente inutili, un dollaro sta già cambiando a quasi 6 milioni di bolivar forti.

Quali sono le vere cause della crisi economica in Venezuela

L’inizio della crisi ha significato per il Venezuela l’esplosione di diversi problemi: la crisi finanziaria, la scarsità di prodotti di base (soprattutto alimentari) e, infine, l’aumento della disoccupazione. Allo stesso modo, la diminuzione del credito agli uomini d’affari da parte delle banche, la corruzione politica, il deterioramento della produttività e della competitività e l’elevata dipendenza dal petrolio sono altri problemi che hanno anche contribuito all’aggravamento della situazione.

La caduta del prezzo del petrolio

L’economia del Venezuela dipende principalmente dal petrolio. La salute finanziaria del paese era in condizioni eccellenti quando il prezzo di un barile di petrolio greggio era di $ 100, tra il 2013 e il 2014 secondo la CNN sul suo sito web. Ora, i prezzi del petrolio sono scesi a partire da $ 28,36, il più basso in 12 anni. Finché i prezzi del petrolio manterranno i minimi storici, il Venezuela continuerà a lottare per crescere sulla questione delle esportazioni e quindi nella sfera economica.

La lotta per il potere

L’opposizione ora controlla il 65% del Congresso secondo il quotidiano MONEY sul suo portale Internet. Questo è importante perché questo livello di rappresentanza consente all’unità democratica di licenziare membri del gabinetto di Maduro e autorizzare riforme che il presidente non può rifiutare. Certo, non è così facile. Maduro nominò nuovi membri della Corte Suprema di Giustizia poco prima che i nuovi legislatori prendessero la protesta. I nuovi ministri potrebbero rovesciare le leggi dell’opposizione, creando una lotta per il potere.

Incontro urgente per affrontare la crisi migratoria

Il governo dell’Ecuador ha invitato 13 governi dell’America Latina, tra cui Nicolás Maduro, a un incontro di ministri degli esteri per discutere l’alto flusso migratorio di venezuelani in fuga dalla crisi nel loro paese.

Il ministero degli Esteri ecuadoriano ha dichiarato in una nota che l’incontro sull’esodo del Venezuela è previsto per il 17 e il 18 settembre a Quito. I paesi invitati all’evento sono Argentina, Brasile, Bolivia, Colombia, Costa Rica, Cile, Messico, Perù, Paraguay, Panama, Repubblica Dominicana, Uruguay e Venezuela.

L’obiettivo è di interagire tra i governi per migliorare la comprensione di questo problema e informazioni su come ogni paese sta affrontando, in conformità con le rispettive leggi e realtà specifiche, ha detto il vice ministro della Mobilità Umana Ecuador, Santiago Chávez, riferendosi alla chiamata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *